Sala delle armi @Photo S. Sartori
IL CASTELLO / SALA DELLE ARMI O DELL’ASTANTERIA

SALA DELLE ARMI O DELL’ASTANTERIA

Ha avuto il ruolo di vano di accesso o astanteria fino al XIX secolo, esso costituiva l’ingresso privato degli appartamenti podestarili. Qui i nobili visitatori del Castello erano chiamati a deporre la spada, per questo la denominazione “Sala delle Armi”
Evidenti sono le tracce della civiltà veneziana: una serie di sinopie riproducenti le insegne dei Rettori inviati da Venezia a reggere le sorti del castello di Marostica nel XV secolo; notevoli sono la modanatura a scacchi soffittale che, secondo leggenda, fu commissionata da Taddeo Parisio in memoria della disfida al "nobil ziogo" per le nozze della figlia Lionora I , gli arredi databili tra il XV e il XVIII secolo (un fratino e alcune panche blasonate), il pavimento seicentesco in tavelle di cotto e le due mappe appartenenti all’Archivio Storico comunale. Quella acquerellata è una perizia cartografica redatta nel 1697.
Sono presenti alcune sculture di Nereo Quagliato riproducenti il Presepe.