Il balletto
LA SFIDA / INTERPRETI

INTERPRETI

Maestro di campo

Il primo a impersonare il ruolo è Mirko Vucetich, autore della Partita a Scacchi. Dal 2000 lo interpreta Tiberio Ganassin, un possente cavaliere dalla lunga capigliatura bionda, proprietario del Centro Ippico Antistress di Piazzola sul Brenta, che per molti anni ha montato il poderoso TJ, un frisone alto al garretto circa 2 metri, dal mantello corvino, la criniera lucente e gli stinchi villosi.

Cerimoniere

Il primo a vestirne i panni nel 1954 è Orazio Colpi, erede di una delle maggiori dinastie manifatturiere locali. Nelle edizioni seguenti il ruolo è impersonato dal commerciante Dante Campana, responsabile dei costumi, selezionatore delle 600 comparse e curatore della sfilata dei figuranti. In seguito, il ruolo è assolto dall’architetto Roberto Xausa e dall’imprenditore Camillo Pizzato.

Vessilliferi

Il Gruppo Vessilliferi di Marostica nasce nel primo dopoguerra ed è attualmente composto da 32 elementi. Usa un attrezzo unico: una bandiera con asta lignea di 150 cm priva di bilanciamenti e pesi, scarsamente versatile e maneggevole. Le grandi elevazioni, la precisione nei lanci, e le spettacolari figure e le roteazioni aeree sia in coppia che in piccola o grande squadra sono ottenute soltanto grazie all’impegno atletico e allo spirito di gruppo.

Ambascerie

Nel 1954 a vestirne il ruolo intervenne molta autentica aristocrazia veneta proveniente dalle province di Vicenza, Padova e Treviso, Venezia, tra cui i conti Donà dalle Rose, Barozzi, Mocenigo, Marcello, Foscari, Azzoni Avogadro, Calvi di Coenzo; i marchesi Selvatico Estense; e i nobili Rocca, Taverna, Lisca di Formigheto, Marzotto, Caffarelli, Ballarin, Dolfin, Girolami Carmignani.

Comici

A interpretare il ruolo interviene all’inizio la Compagnia degli “Istrioni” diretta prima da Otello Gazzola e poi da Mario Cudignotto del Piccolo Teatro Stabile di Thiene. Dal 2008 il ruolo è affidato agli attori della Compagnia dei guitti e degli zanni. Si alternano nelle varie parti: Sandro Saretta, Vittorio Zodio, Franco Salmaso, Maurizio Gabrielli, Samuel Donà, Alberto Furlan, Enrico Bettella, Michele Bettella.

Balletto

Da diverse edizioni, la parte è affidata al corpo di ballo della scuola Danza Marostica che conta al suo attivo 35 anni di attività coreutica nell’ambito della danza classica, contemporanea e medievale in una fusione di tradizione e innovazione. Diretta per molti anni dalla danzatrice e coreografa Giovanna Galvanelli è ora nelle mani dell’allieva Angelica Bonotto.

Musicisti

Nel 1954 la musica era registrata. Solo i rullii dei tamburi e gli squilli di tromba, eseguiti dai musicisti della Fanfara di Nove e scritti dal maestro Marco Crestani, erano in diretta via megafono. A suonare dal vivo fu per primo il gruppo argentino Conjunto Musica Ficta di Buenos Aires. Seguirono i gruppi Elegia e Danza e l’attuale I Musici del Castello, 6 artisti diretti da Sante Guidolin.

Spedaccini

Il ruolo viene inizialmente assolto dai maestri d’arma del Palio della Marciliana di Chioggia. Attualmente è affidato all’Accademia Sodalitas Ecelinorum di Romano d’Ezzelino. Nata nel 1999, l’Accademia tiene corsi didattici di scherma medievale e di tiro con l’arco. Organizza studi e giornate medievali e partecipa all’apertura del Carnevale di Venezia come scorta ufficiale delle Marie.

Cavalieri

Nel 1958, ad assumere il ruolo è uno squadrone del 4° Reggimento Carabinieri a cavallo, conosciuto durante la comune uscita all’Expo di Bruxelles. Dal 2000, è invece la scuderia di Tiberio Ganassin proveniente dal maneggio Centro Ippico Antistress di Piazzola sul Brenta. Si tratta di 17 esemplari appartenenti in parte alle razze frisona e andalusa.